730 School Bonus: ecco le novità predisposte da Agenzia Entrate

730 School Bonus: ecco le novità predisposte da Agenzia Entrate

730 School Bonus: è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate il nuovo modello per la dichiarazione dei redditi con credito d’imposta per erogazioni liberali a scuole Pubblicato il nuovo modello 730 More »

Prestiti per pensionati: numeri in crescita e ultime novità

Prestiti per pensionati: numeri in crescita e ultime novità

Quando si parla di prestiti, i numeri si fanno di anno in anno sempre più interessanti. Basti pensare ai primi mesi del 2016, durante il quale è stato registrato un aumento del More »

Promozioni Tim under 30: ecco la Tim Young&Music Digital

Promozioni Tim under 30: ecco la Tim Young&Music Digital

Proposte risparmio telefonia: nasce Tim Young&Music Digital per chi ha meno di 30 anni Tra le proposte delle più svariate compagnie telefoniche per risparmiare, ricordiamo le offerte e promozioni Tim under 30: More »

Forex trading online: come iniziare nel modo migliore

Forex trading online: come iniziare nel modo migliore

Il Forex è un particolare mercato in cui si scambiano le valute di tutto il mondo. Si tratta del mercato in cui ogni giorno si investono il maggior numero di fondi, fino More »

La rivoluzione della borsa online

La rivoluzione della borsa online

Fino ad alcuni anni fa chi voleva investire in borsa doveva affidarsi alle sapienti mani di un consulente, cui consegnava il proprio capitale; questi si preoccupava di valutare i titoli azionari più More »

 

Ladri in casa: sempre più spesso si barricano dentro per rubare

Ladri in casa

Ladri in casa: entrano dalle finestre, chiudono porte a chiave e si barricano dentro per agire indisturbati

Ladri in casa: è una delle paure più comuni, specialmente al giorno d’oggi, quando la crisi economica e lavorativa sta devastando moltissime persone sempre più in difficoltà economiche e sempre più disperate, pertanto pronte anche a commettere gesti sconsiderati.

Aumentano i furti, ma cambiano le modalità: infatti, mentre un tempo il ladro prendeva tutti i provvedimenti del caso per non farsi scoprire e soprattutto per non farsi cogliere sul fatto, oggi i ladri sono sempre più perspicaci e scelgono la via più “sicura” per rubare. Ovvero, si barricano in casa chiudendo il portone principale a chiave, e spesso anche mettendo mobili o qualunque altro fermo per rendere impossibile l’apertura dell’ingresso: così, sanno di avere tutto il tempo a disposizione per riuscire a rubare indisturbati.

È ciò che è accaduto in questi giorni a Firenze, dove una ragazza, rientrando in casa, ha trovato un grosso masso davanti al cancello con il quale il ladro aveva bloccato l’ingresso. L’uomo è riuscito a rubare indisturbato, scappando dalla finestra (dalla quale era peraltro entrato) solo quando la ragazza, con l’aiuto di alcuni amici, è riuscita a spostare il grosso masso. In un altro caso, proprio in questi giorni, alcuni malviventi sono riusciti a bloccare il portone di casa usufruendo di mobili e divano: tutto il tempo necessario per prendere il tanto agognato bottino.

 

Gelo in Italia: il centro è sotto la morsa del freddo

Gelo in Italia: ancora perturbazioni fino a venerdì, specialmente in centro Italia

L’Italia è sotto la morsa del gelo: è quanto emerge dalle recenti notizie sul meteo, secondo le quali le perturbazioni di freddo e vento che in questi ultimi giorni hanno duramente colpito il paese, potrebbero proseguire ancora, almeno fino a domani. Nessuna tregua dal freddo, quindi, almeno fino alle prossime ore: la situazione è ancora allarmante specialmente nel centro Italia, che proprio negli ultimi giorni è stato colpito da raffiche di vento e neve, con temperature molto basse.

Crescono le situazioni di disagio: in Abruzzo, le nevicate di lunedì hanno messo ko alcuni centri, con problematiche anche alla corrente elettrica. Molte case sono state isolate e molte sono state le situazioni particolarmente difficili che hanno reso quasi impossibile per i tecnici intervenire in maniera tempestiva: il freddo continuerà ad interessare le stesse zone del centro Italia, almeno fino a venerdì notte, ed è anche per questo che gli esperti consigliano, laddove possibile, di evitare di mettersi in auto, cercando invece di rimanere in casa e di combattere il freddo come meglio si può.

Non dovrebbero esserci ulteriori problemi alla corrente elettrica, ma il consiglio è quello di prevenire l’incidenza delle bassissime temperature nelle prossime altre notti gelide mantenendo gli ambienti – specialmente notturni – con una temperatura più calda possibile.

Ritiro farmaci: dal mercato ritirati Paracetamolo e Metformina

Ritiro farmaci

Non conformi alle norme di Buona Fabbricazione: ritiro farmaci Metformina e Paracetamolo dal mercato

Sono i tradizionali farmaci per combattere alcune delle problematiche più diffuse: il Paracetamolo, oggi tra i più utilizzati per abbassare la febbre e per contrastare i sintomi dell’influenza; e la Metformina, tradizionale medicinale utilizzato per contrastare i livelli di diabete.

Alcuni lotti di questi due farmaci verranno ritirati a breve dal mercato: è quanto è emerso dagli ultimi controlli effettuati dall’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha disposto il ritiro dal commercio di alcuni lotti di Metformina e di Paracetamolo. In particolare, verranno ritirati i lotti Eg Spa e Pensa Pharma: ciò è necessario, stando a quanto si legge nella stessa nota dell’Agenzia, perché questi lotti non risultano essere conformi alle regole di Buona Fabbricazione.

I lotti interessati dal ritiro dalle farmacie sarebbero i seguenti:  16CPR 1000MG – AIC 041467111 Lotti n. 2850023A scadenza Novembre 2017 e numero A6001 scadenza Luglio 2019 • Paracetamolo EG*20CPR 500MG – AIC 041467034 Lotti n. 1760001F con scadenza Novembre 2018 e n. K6046 con scadenza Aprile 2021.

Si è detto desolato Giovanni D’Agata, dello Sportello dei Diritti, di una scelta tuttavia necessaria ed anche veloce, visto che, dato il picco influenzale, è proprio di questo periodo un uso massiccio specialmente delle confezioni di Paracetamolo.

Cuffie telefoniche professionali: quali scegliere

cuffie

Sono molte le professioni in cui l’utilizzo di una cuffia telefonica è essenziale. Molti degli operatori che sfruttano questi accessori sono collaboratori di centralini, ma non è sempre così: molto spesso in qualsiasi posizione lavorativa è necessario effettuare quotidianamente numerose chiamate telefoniche, utilizzare una cuffia professionale può essere pratico e anche molto salutare.

L’Isola dei Famosi: Stefania Nobile e Wanna Marchi discusse concorrenti

L’Isola dei Famosi: le parole di Stefania Nobile e Wanna Marchi

Tutto è pronto per L’Isola dei Famosi: il reality show è infatti pronto a decollare verso la meta delle Honduras martedì 31 gennaio, in prima serata su Canale 5. Anche quest’anno, quindi, rivedremo alcuni dei personaggi dello spettacolo che un tempo erano famosi ritornare sulla cresta dell’onda, o almeno provarci proprio grazie alla partecipazione al noto programma televisivo.

Un programma su cui si è molto discusso e del quale si sono dette molte verità, ed anche altrettante falsità, e che oggi fa molto discutere per via della scelta della produzione di far partecipare due personaggi noti non solo al mondo dello spettacolo, ma anche a quello delle cronache: stiamo parlando di Wanna Marchi e Stefania Nobile, mamma e figlia, note per le truffe durante le loro televendite, condannate in via definitiva bel 2009 con l’accusa di bancarotta fraudolenta che si associa a quella di truffa aggravata e associazione a delinquere.

Le accuse per le due donne sono molto chiare ed evidenti: la Marchi e la Nobile sono state accusate di truffare la gente per bene, cittadini onesti e puliti, che venivano raggirati attraverso promozioni e televendite. Oggi le due donne vogliono riavere dignità: “Non siamo due mostri”, tuona a questo proposito Stefania Nobile, che difende la madre e dichiara di aver commesso degli errori, pagati con un conto salatissimo.

L’occasione del reality potrebbe essere importante, per la Nobile e la Marchi, per rimettersi a nudo e provare a farsi perdonare dal pubblico televisivo.

Sparatoria in Messico: 5 morti in un club di turisti

Sparatoria in Messico

Sparatoria in Messico: a Playa del Carmen uomo armato irrompe in club pieno di turisti e spera. Cinque persone morte, anche un italiano

Sono cinque le persone morte durante la terribile sparatoria in Messico che ha visto un uomo armato irrompere all’interno di un club in cui si stava svolgendo un festival dedicato alla musica elettronica. È successo qualche ora fa a Playa del Carmen, all’interno del Blue Parrot in cui i turisti stavano ascoltando la musica elettronica durante l’evento musicale Bpm.

Erano le 3 del mattino (ora locale, le 9 in Italia), quando l’uomo, armato, senza entrare all’interno del club, ha iniziato ad aprire il fuoco, sparando contro chiunque si trovasse al suo interno: tra le vittime della terribile sparatoria, vi è anche un italiano, Daniel Pessina (la morte dell’italiano è stata peraltro confermata, proprio in queste ore, dalla Farnesina). Le altre vittime sono due canadesi ed un colombiano, ed una donna di origini messicane.

L’italiano ed il colombiano sono morti sul colpo, mentre la donna è morta a causa di uno sparo non direttamente rivolto a lei, ma nella calca generale che si era creata durante la sparatoria. Un altro uomo, invece, uno dei due canadesi, era rimasto ferito ma  deceduto in ospedale poco dopo il ricovero.

Le prime testimonianze parlano di un possibile tentativo di uccidere più persone possibili in un solo colpo.

 

730 School Bonus: ecco le novità predisposte da Agenzia Entrate

730 school bonus

730 School Bonus: è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate il nuovo modello per la dichiarazione dei redditi con credito d’imposta per erogazioni liberali a scuole

Pubblicato il nuovo modello 730 per il 2017: è stato infatti pubblicato dall’Agenzia delle Entrate, che sul suo sito web ha predisposto anche una serie di informazioni e consigli utili che riguardano in particolare school bonus, per il quale si riconosce il credito d’imposta del 65% e fino ad un importo di 100 mila euro per il 2016.

School bonus con credito d’imposta riconosciuto del 65% per chi ha deciso di effettuare donazioni nel 2016 per gli istituti del sistema nazionale d’istruzione: in questo caso, esso verrà suddiviso in 3 quote annuali, che verranno rateizzate in diversi tipi di importo.

In particolare questa opportunità è stata resa possibile per tutti coloro che, non avendo alcuna attività di tipo commerciale in atto, possono godere del credito d’imposta nella dichiarazione dei redditi: oggi sarà quindi possibile determinare una scelta in maniera libera per quel che riguarda la tipologia di scuola, che riceverà pertanto il 90% della donazione, mentre la parte rimanente verrà invece erogata a scuole che inserite in un fondo nazionale, riceveranno erogazioni e donazioni di contributo minore.

Dramma a Messina: lei lo lascia, lui le dà fuoco. Ma lei lo difende

Dramma a Messina

Dramma a Messina: ennesimo atto di orrore contro una donna. Dopo aver lasciato il fidanzato, una ragazza viene bruciata. Ma dopo l’orrore lo difende: “Non è stato lui”

È l’ennesimo dramma quello che si è consumato a Messina, in Sicilia, dove una giovane ragazza ha subito le angherie dell’ex fidanzato il quale, dopo essere stato lasciato, ha tentato di uccidere la sua ex ragazza appiccando il fuoco. Dopo averle lanciato addosso una tanica di benzina, il ragazzo ha deciso di costituirsi presentandosi presso gli uffici della quadra mobile e raccontando l’accaduto.

Ciò che tuttavia lascia riflettere è l’atteggiamento della 22enne che, ricoverata in ospedale, dichiara che il colpevole di quell’efferato e crudele gesto non è il giovane ex fidanzato: la ragazza è in situazioni abbastanza gravi e le sue condizioni non sono certo delle migliori, ma questa mattina, dal suo letto del Policlinico di Messina, dopo aver ammesso alla sua famiglia che il colpevole è stato proprio l’ex fidanzato, la giovane 22enne, con ustioni in gran parte del corpo, ha deciso di ritrattare la sua versione.

Non è stato lui”, avrebbe continuato a dichiarare la 22enne che ha cercato quindi di difendere l’ex fidanzato dalle accuse da lei stessa lanciate. Ma adesso è necessario fare luce sul grave accaduto.

George Michael a Vienna: mistero del viaggio prima della sua morte

George Michael a Vienna

George Michael a Vienna: cantante aveva viaggiato fino all’ospedale di Vienna con jet privato. Emergono dati carichi di dubbio e perplessità

Era stato a Vienna il cantante George Michael, morto la mattina di Natale a causa di un arresti cardiaco: qualche settimana prima del suo decesso, il cantante – la cui morte ha letteralmente sconvolto i fan – aveva raggiunto un ospedale di Vienna, ovvero l’AKH General Hospital: qui aveva avuto modo di farsi visitare dai medici che, qualche anno fa, lo avevano salvato da una polmonite che per lui avrebbe potuto essere fatale.

Insieme al cantante, avevano raggiunto l’ospedale di Vienna anche il padre, ed il fidanzato, Fadi Fawaz: è stato lui a trovare il corpo senza vita del cantante riverso sul letto, la mattina dello scorso 25 dicembre.

Non è ancora stato chiarito il motivo della sua visita presso l’ospedale in cui era stato salvato, nel 2011, grazie ad una tracheotomia che gli era stata effettuata dai medici del centro. È tuttavia comprensibile pensare che il cantante fosse andato a Vienna per un controllo medico, che però non deve aver fatto rilevare alcun problema per la sua salute. Sono comunque parecchie, al momento, le circostanze da chiarire in merito alla morte del noto cantante.

Sostanze dimagranti vietate: alcune possono essere dannose

Sostanze dimagranti vietate

Sostanze dimagranti vietate dal Ministero della Salute: è meglio non utilizzarle

Alcune sostanze considerate fino ad oggi dimagranti, sono state vietate e considerate un vero e proprio danno per chi le utilizza: è  quanto emerge da una recente ricerca che ha portato il Ministero a vietare la vendita di ben 40 sostanze che, secondo gli studi, non solo non avrebbero alcun riferimento di salute, ma sono oltremodo dannose e pericolose.

Una scelta, quella del ministero della Salute, che ovviamente fa discutere e che ha generato la protesta della Federazione dei Farmacisti, che non ha ben accolto questa decisione e che ha polemizzato contro questo intervento cautelativo. La legge però impone di prestare attenzione all’uso di sostanze che potrebbero rivelarsi dannose per la salute: e si tratta per lo più di tutte quelle preparazioni a scopo dimagrante, che hanno al loro interno sostanze come la fenilefrina, aloe, tè verde ed anche il rabarbaro. Queste sostanze non possono essere più prescritte in alcun modo da medici e farmacisti.

Per dimagrire, quindi, bisognerà – almeno per adesso – ricorrere al caro vecchio rimedio naturale e senza controindicazioni, che consiste nel mettersi seriamente a dieta in maniera sana e controllata, sotto stretto controllo medico e di evitare tutti quei comportamenti che potrebbero rivelarsi invece dannosi.