730 School Bonus: ecco le novità predisposte da Agenzia Entrate

730 School Bonus: ecco le novità predisposte da Agenzia Entrate

730 School Bonus: è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate il nuovo modello per la dichiarazione dei redditi con credito d’imposta per erogazioni liberali a scuole Pubblicato il nuovo modello 730 More »

Prestiti per pensionati: numeri in crescita e ultime novità

Prestiti per pensionati: numeri in crescita e ultime novità

Quando si parla di prestiti, i numeri si fanno di anno in anno sempre più interessanti. Basti pensare ai primi mesi del 2016, durante il quale è stato registrato un aumento del More »

Promozioni Tim under 30: ecco la Tim Young&Music Digital

Promozioni Tim under 30: ecco la Tim Young&Music Digital

Proposte risparmio telefonia: nasce Tim Young&Music Digital per chi ha meno di 30 anni Tra le proposte delle più svariate compagnie telefoniche per risparmiare, ricordiamo le offerte e promozioni Tim under 30: More »

Forex trading online: come iniziare nel modo migliore

Forex trading online: come iniziare nel modo migliore

Il Forex è un particolare mercato in cui si scambiano le valute di tutto il mondo. Si tratta del mercato in cui ogni giorno si investono il maggior numero di fondi, fino More »

La rivoluzione della borsa online

La rivoluzione della borsa online

Fino ad alcuni anni fa chi voleva investire in borsa doveva affidarsi alle sapienti mani di un consulente, cui consegnava il proprio capitale; questi si preoccupava di valutare i titoli azionari più More »

 

Ex prestiti INPDAP: pregi e difetti

loans

Gli ex prestiti INPDAP sono oggi gestiti dall’INPS, entro cui è confluito ogni tipo di compito e interesse dell’INPDAP. Si tratta dei prestiti garantiti ai pensionati e ai dipendenti pubblici iscritti al Fondo della gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Un tempo tale iscrizione era obbligatoria per i lavoratori pubblici, mentre oggi è del tutto facoltativa e corrisponde al pagamento di un piccolo contributo mensile. Per questo motivo non tutti i dipendenti e pensionati pubblici possono godere dei prestiti INPDAP.

Frutta e verdura appetibili? I bambini possono essere stimolati con il gioco

Frutta e verdura appetibili

Frutta e verdura appetibili? Una recente ricerca dimostra che è possibile stimolare con il gioco e la manipolazione

Al giorno d’oggi sono sempre di più i bambini che tendono a rifiutare alimenti sani, perché considerati poco appetibili. Ed in prima linea, oggi come un tempo, i cibi che si tende a consumare in quantità minore sono soprattutto la frutta e la verdura, spesso visti come alimenti sgraditi e quindi poco interessanti per il bambino.

Tuttavia, secondo le ultime informazioni che emergono da una recente ricerca portata avanti, tra l’altro, da uno studio inglese, è del tutto possibile che se aiutati attraverso giochi e manipolazione, i bimbi riescano prima o poi a considerare come positivi e maggiormente gradevoli al gusto anche questi alimenti: la manipolazione, infatti, alimenta il loro senso di curiosità e li spinge, senza alcun dubbio, ad aumentare la loro voglia di assaggiare quegli alimenti che, altrimenti, non prenderebbero in considerazione.

A sostenerlo è una recente ricerca portata avanti dalla De Monfort University che ha fatto notare come in effetti dando ai bimbi la possibilità di “giocare” con frutta e verdura, attraverso il senso del tatto, è possibile dare loro l’opportunità di conoscere meglio questi alimenti e di apprezzarli, per essere poi invogliati ed incuriositi all’assaggio.

Nel gioco, i bambini si sentono liberi di esprimere la loro creatività, e spesso possono essere anche portati ad assaggiarli, scoprendo poi un sapore che potrebbe loro piacere.

Aggiornamenti Whatsapp, si potranno anche inviare con foto, icone, emoticon

Aggiornamenti Whatsapp

Aggiornamenti Whatsapp, si potranno inviare e conterranno anche immagini, foto, emoticon e testi

Sarà una novità molto interessante, quella che colpirà WhatsApp, una delle chat senza dubbio tra le più amate in assoluto: il sistema di messaggistica istantanea, sulla falsariga di altre piattaforme, come Snapchat ed anche molte altre, consentirà agli utenti che fanno uso di questo prodotto di ampliare le proprie possibilità di farsi conoscere e di far conoscere il proprio stato d’animo, le proprie immagini, in una vera e propria multimedialità.

Compirà domani il suo ottavo compleanno: per la gioia di tutti gli utenti che quotidianamente ne fanno grande uso, Whatsapp è stato lanciato il 24 febbraio del 2009, rappresentando da sempre una delle modalità di chat preferite da tutti per comunicare in maniera immediata con le persone che si conoscono. Ma c’è di più: chiaramente, nel corso degli anni questa piattaforma ha cercato sempre di migliorarsi e di proporre nuove esperienze entusiasmanti, ed oggi possiamo comunicare in maniera veloce e semplice, usufruendo di servizi aggiuntivi, come ad esempio l’invio di foto o di audio, e di registrazioni vocali.

Tra gli aggiornamenti dei prossimi giorni, però, sarà anche possibile inviare gli aggiornamenti di stato che, tra l’altro, comprenderanno anche icone, testi, disegni, ed emoticon, e che potranno essere condivisi sia con i singoli che con i gruppi.

 

 

Calvizie genetica: in alcuni casi è determinata da trasmissione cromosoma X

Calvizie genetica

Calvizie genetica: per alcune persone che soffrono di alopecia potrebbero esservi motivazioni legate al cromosoma X

La perdita di capelli riguarda, al giorno d’oggi, un numero sempre maggiore di persone. Uomini ma anche donne, che, di qualunque età – anche se vi sono dei picchi specifici in alcune fasce – rischiano di soffrire di alopecia per diversi motivi.

Ma quali sono i motivi più conclamati di questo disturbo che caratterizza un numero sempre maggiore di persone e che, al giorno d’oggi, è indicativo anche per quel che riguarda la calvizie femminile? I casi di calvizie crescono ogni anno di più, e spesso ci si domanda il motivo di questo disturbo e perché solo ad alcuni accada di perdere i capelli, mentre altre persone ne sono totalmente escluse.

Ebbene, a parte i casi in cui è spiegabile la sensibile perdita di capelli a causa di un farmaco – è tipico il caso della chemioterapia – secondo gli ultimi studi condotti dai ricercatori e studiosi dell’Università di Edimburgo, dietro la perdita di capelli potrebbero celarsi problematiche genetiche, in particolar modo alterazioni o motivazioni legate al cromosoma X, quello ereditato dalle mamme. Questi studi danno spazio per risultati più interessanti anche dal punto di vista terapeutico: infatti, conoscendo la causa scatenante, si auspica che sia presto possibile anche trovare delle soluzioni adeguate a contrastare la perdita di capelli agendo su tecniche specifiche sulla diradazione dei capelli.

 

Maria De Filippi gossip: “Rubai argenteria per pagare multe”

Maria De Filippi gossip

Maria De Filippi gossip: in occasione dell’ultima puntata di C’è posta per te, la conduttrice racconta la sua esperienza “negativa” ma di grande insegnamento

Siamo soliti considerare Maria De Filippi come una conduttrice televisiva di quelle “tutte d’un pezzo”, che non lasciano quasi mai spazio all’emozione e che, appunto, non tradiscono mai, neanche nella storia più commovente, lacrime o sensibilità. Ma in realtà, anche la conduttrice più famosa di Canale 5 – che è tra l’altro reduce dell’ultimo successo sanremese, in qualità di co-conduttrice con Carlo Conti – ha i suoi “scheletri” – se così si possono chiamare – nascosti nell’armadio.

In una recente dichiarazione, fatta in occasione dell’ultima puntata di C’è posta per te, la De Filippi ha raccontato un aneddoto relativo alla sua vita, che ha sicuramente fatto riflettere. Per dodici anni, la conduttrice non ha pagato le multe che arrivavano a casa, ed alla fine, per poter affrontare il pagamento che sarebbe stato parecchio salato, la conduttrice avrebbe rubato un pezzo dell’argenteria di casa e sarebbe andata a rivenderlo ad un gioielliere. Poi, la lezione del papà che, dopo aver scoperto tutto, l’ha trascinata fin dal gioielliere, nel cui negozio ha dovuto “confessare” il reato e prendersi anche qualche schiaffone “educativo”.

Dopo la sua “confessione” nel corso della trasmissione televisiva, la De Filippi è stata per lo più protagonista di poche critiche: i suoi fan l’hanno, ancora una volta, sostenuta con frasi positive e consensi.

Smartphone cinesi costano di più: aumento del prezzo

Smartphone cinesi costano di più

Smartphone cinesi costano di più: perché è aumentato il prezzo di questi dispositivi

Si è sempre stati soliti a pensare che gli smartphone cinesi avessero un costo molto più limitato rispetto a prodotti e dispositivi elettronici provenienti da altre nazioni: in effetti, il costo di un dispositivo come uno Xiaomi, o il Meizu, è sicuramente molto basso rispetto ad altre tipologie di smartphone, seppur vi sia parità di prestazioni e di caratteristiche. Ed è esattamente per questo motivo che, solitamente, si è predisposti a fare un pensierino relativamente all’acquisto di un dispositivo elettronico portatile, come uno smartphone proveniente dalla Cina, da cui è possibile ottenere delle prestazioni ottimali ad un costo non particolarmente rilevante.

Ma negli ultimi giorni si assiste ad una situazione di controtendenza, per quel che riguarda il costo degli smartphone, che vale sicuramente la pena di sottolineare: infatti, emerge che il prezzo di questi dispositivi è tendenzialmente cresciuto rispetto a qualche tempo fa. Di solito, l’aumento dei prezzi può riguardare il periodo del capodanno cinese, quando i negozi comprano generalmente lotti molto grandi di prodotti, mentre alla fine delle festività accade l’esatto contrario, con un cambiamento importante che genera una diminuzione dei prezzi. E ciò porta molte persone ad attendere proprio questo periodo per effettuare i loro acquisti.

Ma quest’anno si assiste ad una sorpresa in negativo: i prezzi, infatti, non sono diminuiti come si poteva pensare, ma sono rimasti elevati. Perché accade ciò? Molto semplice; pare che in questo momento stia diventando difficile per le zone di produzione trovare i pezzi e le componenti atte a rendere possibile l’aumento della presenza in stock, e questa difficoltà ben si esprime proprio nel costo più elevato di altri dispositivi, volto anche a ritardare la commercializzazione degli altri prodotti.

Belen e Stefano: spunta ipotesi tradimento del ballerino durante il matrimonio

Belen e Stefano

Belen e Stefano: il matrimonio si sarebbe concluso a causa del tradimento di De Martino

Nonostante il loro matrimonio sia ormai naufragato da oltre un anno – era dicembre 2015 quando Belen e Stefano comunicarono di non essere più una coppia, ammettendo che il loro amore era finito e che presto si sarebbero separati – si torna ancora una volta a parlare di Belen e Stefano, una coppia che fatto discutere molto, sin dall’inizio della loro love story. Sin da quando, mentre Stefano De Martino, sulla carta, era ancora fidanzato con la cantante Emma Marrone, si scoprì che tra il ballerino professionista e la showgirl argentina c’era del tenero, e che galeotto era stato proprio il programma televisivo all’interno del quale lavorava anche l’ex fidanzata di Stefano.

La nascita del loro amore, discusso ma che ha sicuramente fatto sognare – quantomeno per il coraggio di prendersi delle responsabilità importanti come quella, appunto di dire al mondo intero della storia in corso – e la nascita del loro figlio, il piccolo Santiago, sono stati coronati con un matrimonio da favola, che per un discreto periodo di tempo ha fatto sognare molte generazioni. Poi, a dicembre di due anni fa, è arrivato il fulmine a ciel sereno che nessuno si aspettava: tra Belen e Stefano era tutto finito. Non è mai stato chiarito il motivo per il quale la coppia ha deciso di mettere la parola fine sul loro rapporto, ed a tentare di dare qualche informazione ci pensa oggi il settimanale Chi, da cui emergono alcuni fatti che lascerebbero presumere che il matrimonio sia naufragato a causa di un tradimento. A tradire sarebbe stato De Martino: un comportamento che alla Rodriguez non sarebbe piaciuto e che, per ovvi motivi, l’avrebbe portata a voler concludere il matrimonio, sebbene inizialmente avesse provato a recuperare il salvabile.

Fisico a mela? La colpa è di un gruppo di geni responsabili anche di patologie

Fisico a mela

Fisico a mela: una forma di corpo che infastidisce chi ha questo fisico, e che è determinata da un gruppo di geni

Ci siamo spesso chiesti da cosa fosse determinato l’antipatico grasso sulla pancia e sull’addome che spesso si accumula con più frequenza sul corpo di alcune persone e meno su altre. Per rispondere a questa domanda, un grippo di scienziati ha cercato di individuare le risposte in un aspetto molto spesso sottovalutato, ovvero il punto di vista dei geni che, stando alle prime rilevazioni, in alcune persone possono essere determinanti nell’associazione del corpo a forma di mela.

Lo sostiene il gruppo di scienziati della Sekar Kathiresan del Massachusetts General Hospital che ha collaborato con la Harvard Medical School di Boston individuando in un gruppo di geni la causa primaria del grasso sulla pancia. Si è inoltre scoperto che, oltre a questo aspetto, i geni che portano alla forma del fisico a mela, sono anche responsabili della predisposizione a diverse patologie come diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari e molto altro.

Secondo i ricercatori, quindi, è tutta colpa dei geni “sbagliati”: sia il fatto che si è più o meno predisposti ad ingrassare sull’addome, sia il collegamento con le patologie gravi associate.

In rete con smartphone: 50% di accessi proviene da dispositivi

In rete con smartphone

In rete con smartphone: maggior parte di accessi alla rete Internet proviene dai dispositivi portatili

È soprattutto dagli smartphone che proviene il maggior numero di accessi alla rete Internet: è quanto si evince da una recente ricerca condotta dai ricercatori del Politecnico di Milano – ne parla l’Osservatorio Mobile B2c Strategy della School of Management – secondo la quale più del 60% del tempo impiegati in rete proviene proprio dai dispositivi portatili. E ben l’80% utilizza lo smartphone per ottenere informazioni e novità, spunti sui quali riflettere in merito alle proprie decisioni di acquisto.

È una rete che cambia, quella degli ultimi anni: infatti, gli italiani utilizzano, con una certa rilevanza, il dispositivo elettronico portatile con maggiore frequenza, spesso anche soppiantando i vecchi computer ed in alcuni casi anche i notebook. Segno che qualcosa sta cambiando, e non ce ne dobbiamo di certo meravigliare: infatti, è abbastanza normale comprendere che, in un’epoca in cui utilizziamo sempre di più un dispositivo comodo e funzionale, sia più facile sfruttare al meglio tutte le caratteristiche specifiche di questo tipo di prodotto.

Che tra l’altro ci accompagna anche nei processi di acquisto. Sarà forse perché lo smartphone può essere utilizzato ovunque, anche per “ammazzare il tempo” durante un viaggio in treno o mentre si aspetta la metro, o ancora davanti alla tv. Fatto sta che i numeri parlano chiaro, e parlano di una tendenza di successo, che sta crescendo anche in Italia, attraverso in superamento di molte barriere.

 

San Valentino: come trovare il regalo perfetto

love

San Valentino è alle porte e non abbiamo acquistato ancora nulla per il nostro partner? Se è il primo anno che trascorriamo insieme questa ricorrenza evitiamo di sbagliare: chiediamo direttamente all’interessato/a se intende festeggiare San Valentino. Sono molte le persone che non amano le ricorrenze e che preferiscono ricevere dei regali a sorpresa nel corso dell’anno, quindi evitiamo gli sbagli. Se decidiamo di farci un regalo, cerchiamo anche di discutere del budget, perché è veramente triste arrivare a quella sera uno con un piccolo dono e uno con un gioiello o un altro omaggio molto costoso, per entrambe le parti. Sul sito http://regalioriginali.org/ si trovano sempre idee grandiose per i regali.