La fauna che arricchisce i nostri boschi: gli “Ungulati”

La fauna che arricchisce i nostri boschi: gli “ungulati” sono molto comuni e tante specie che comunemente abitano anche il territorio italiano ne fanno parte

Per capire bene di cosa stiamo parlando quando parliamo degli Ungulati, sarà opportuno descrivere la caratteristica principale che appartiene a questa fantastica famiglia: questi animali fanno parte dei mammiferi e si distinguono da altra fauna, in quanto gravano il proprio peso corporeo sulla punta delle dita, le loro unghie infatti si sono sviluppate a forma di zoccoli per dare protezione alla naturale usura.

La storia ci dice che le prime specie di questa famiglia sono stati gli artiodattili e i perissodattili che vissero fra la fine del Paleocene e i primi tempi dell’Eocene, più 50 milioni di anni fa.

L’estinzione dei dinosauri consentì alle specie appartenenti agli Ungulati di trovare enormi spazi da vivere e ciò ha quindi permesso loro di riprodursi ed evolversi in varie forme e di estendere la propria area anche alle profondità marine sotto forma di cetacei.

Con il passare del tempo si è compreso attraverso lo studio di resti fossili specifici, che specie come gli attuali cetacei, discendono dagli artiodattili che si sono evoluti per riuscire a vivere in ambiente acquatico.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi