Linguaggio gatto: molto espressivo ma va interpretato

Linguaggio gatto

Linguaggio gatto: a differenza del cane, è meno espressivo ma va sicuramente interpretato nel giusto modo

Il linguaggio del gatto è molto espressivo, anche se spesso va chiaramente conosciuto ed interpretato: non è cosa semplice, specialmente se non si è particolarmente appassionati di questo animale così particolare e misterioso, ma è bene comunque saper che il gatto può avere delle espressioni di sé molto particolari e che vale la pena di conoscere.

Mentre quello del cane può essere molto più significativo ed espressivo, il linguaggio del gatto lo è molto di meno perché in effetti il gatto si esprime con un elemento del suo corpo ben specifico, che è la coda. Essa serve a indicare i suoi stati d’animo ed i suoi pensieri nei riguardi di coloro che gli stanno attorno, e proprio per questo motivo è un elemento davvero indispensabile.

Ma cosa vuol dire la coda del gatto? Cosa indica questo animale quando muove la sua coda? Molto semplice: infatti, esistono diversi movimenti della coda che possono comunicare i più svariati stati d’animo, ovvero se è arrabbiato o sereno, se sta bene oppure no, se è aggressivo e pronto ad attaccare o se al contrario è spaventato o si sente attaccato da qualcuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *