Monitor per pc: LED o LCD?

monitor-da-pc

Quando si tratta di acquistare un pc, non tutti prestano la dovuta attenzione a una delle sue parti più importanti: il monitor. Trovare il miglior monitor per pc è essenziale per salvaguardare la salute dei nostri occhi, ma anche per vivere al meglio l’esperienza davanti allo schermo, sia essa lavorativa, o semplicemente ricreativa. Sono molti i fattori che possono guidare la nostra scelta, primo fra tutti quello relativo alla tipologia di pannello. Quando acquistate un monitor infatti, dovete sapere che non sono tutti uguali al loro interno, alcuni presentano una tecnologia a LED, altri invece quella LCD. La tecnologia alla base è la stessa, ovvero i classici cristalli liquidi, ma cambia nella sostanza come questi vengono utilizzati e soprattutto come avviene la retroilluminazione. Ma andiamo più nello specifico e vediamo quali sono le principali differenze tra le varie tipologie di pannello.


La tecnologia a LED è la più recente e permette di riprodurre dei neri assoluti che non siano sfocati o poco reali. I monitor LED si differenziano inoltre in
LED EDGE, con i punti luce (i cosiddetti “led”) posti sulle parti laterali, e in FULL LED, con i led distribuiti uniformemente su tutto il pannello.

Il confronto si fa però più interessante quando parliamo della tecnologia LCD, visto soprattutto che, al momento, è quella più utilizzata. Lo “scontro” in questo caso è tra pannelli TN, IPS e VA, tre tipologie molto differenti tra loro, ognuna adatta a particolari situazioni e a contesti diversi.

I monitor TN (Twisted Nematic) sono noti per i loro bassissimi tempi di risposta (fino a 1ms) e per il fatto che sono spesso disponibili a buon prezzo. Sono quelli più indicati per i videogiochi e per la visualizzazione di contenuti in 3D. I pannelli IPS (In Plane Switching) sono invece più adatti per la produttività e la multimedialità, in quanto rendono i colori in maniera migliore rispetto ai TN, anche se con tempi di risposta quasi sempre più alti. I monitor VA, infine, offrono un buon angolo di visione e un buon contrasto, con tempi di risposta non proprio bassissimi ma una riproduzione dei colori non ai livelli dei pannelli IPS. Inoltre possono soffrire del fastidiosissimo effetto ghosting. Si suddividono a loro volta in PVA (Patterned Vertical Alignment) ed MVA (Multi-domain Vertical Alignment), questi ultimi con neri e contrasti ancora più marcati rispetto ai primi. Questo tipo di pannello va preso in considerazione soprattutto in ambito lavorativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *