Category Archives: politica

Home / politica
9 Posts

Gli ultimi giorni di novembre negli Stati Uniti d’America dovrebbero tenersi le elezioni per il Presidente degli Stati Uniti e i due candidati, fino ad adesso, sono Donald Trump e Joe Biden.
In un’intervista l’attuale Presidente, Donald Trump, dice la sua in merito proprio al suo sfidante.

A novembre nei Stati Uniti si terranno le elezioni per votare il Presidente degli Stati Uniti d’America e i due candidati in questo momento sono soltanto Joe Biden e Donald Trump.
Per qualche giorno molte persone, grazie ad un post su Twitter, hanno creduto alla presenza di un terzo candidato: Kanye West.
Infatti l’uomo qualche settimana fa ha detto ai suoi fans che si sarebbe candidato alle elezioni per diventare il Presidente degli Stati Uniti d’America, fino a ieri quando ha aggiunto che si candiderà per le elezioni del 2024.
Intanto indipendentemente da Kanye West i sondaggi stanno continuando e a quanto pare Joe Biden sta salendo in maniera repentina.

Proprio Trump, in un’intervista al Fox News, ha voluto spendere qualche parola sul suo nemico politico.
”Joe non riesce a mettere due frasi insieme. Ogni tanto lo trascinano fuori dal seminterrato, gli fanno delle domande, lui legge il teleprompter e poi lo riportano giù. Per me è come se non sapesse di essere vivo. C’è da dire anche che è una persona anziana e instabile ed è completamente nelle mani della sinistra radicale che vuole soltanto portare il Paese alla rovina, proprio come il Venezuela”. 
Quindi dure parole quelle di Trump verso Joe Biden.
Infine l’attuale Presidente degli Stati Uniti fa sapere che non ama molto perdere quindi in questo momento, in merito ai sondaggi, preferisce non esprimersi.
‘Non mi piace perdere, non dico nè no nè si, vedremo alle elezioni’, conclude il Presidente.

In queste ultimi giorni Kanye West sui suoi canali social ha fatto sapere della sua candidatura alle elezioni per diventare il Presidente degli Stati Uniti e proprio ieri ha rilasciato un’intervista a Forbes in cui parla degli altri candidati.

Ormai la notizia sembra essere ufficiale: Kanye West si candiderà alle elezioni per il Presidente degli Stati Uniti d’America.
All’inizio moltissime persone erano scettiche riguardante la verità di questa notizia in quanto Kanye, sul suo account Twitter, ha sempre scritto molte cose che poi non ha portato a termine.
E proprio l’altro giorno il cantante ha scritto sui suoi social: ‘Da oggi inizia la mia corsa per diventare il Presidente degli Stati Uniti d’America’.
Questo post inoltre è stato commentato sia da Kim Kardashian, sua moglie, sia da altri personaggi famosi ad esempio Elon Musk.
Proprio ieri però Kanye ha rilasciato un’intervista al famosissimo giornale ‘Forbes’ in cui parla proprio della sua candidatura e dei suoi ‘nemici’.

Kanye West in passato si è sempre dimostrato dalla parte di Trump ed hanno avuto molte collaborazioni insieme e nell’intervista ha parlato anche di questo.
‘Mi toglierò il cappello rosso’, ha dichiarato.
Inoltre in questa intervista veniamo a sapere che il cantante a febbraio ha avuto il virus.
A febbraio ho avuto il virus e l’ho superato. Io amo la Cina. La malattia non è responsabilità del popolo cinese”.
Per quanto riguarda la sua candidatura invece ha detto: ”Questa è una forma di razzismo, supremazia bianca e controllo bianco per dire che tutti i neri hanno bisogno di essere democratici e per supporre che io sia sceso in campo a spaccare gli elettori. Tutte queste informazioni vengono caricate su piattaforme di social media. Inoltre quando dovevo votare avevo paura. Mi è stato detto che se avessi votato su Trump la mia carriera musicale sarebbe finita”.

Il queste ultime ore il web è realmente impazzito per una notizia che ha fatto il giro del mondo: Kanye West ha annunciato la sua candidatura alle elezioni per il Presidente degli Stati Uniti d’America. 
Sarà vero?

E’ questa la domanda che ad oggi si fanno tutte le persone del web è: Kanye West si candiderà veramente?
Il cantante americano molte volte scrive qualcosa su Twitter soltanto per far parlare di sè quindi in molti adesso si chiedono se la sua candidatura sia soltanto una trovata pubblicitaria.
Comunque il cantante ha annunciato la sua candidatura alle elezioni tramite un post su Twitter in cui ha scritto: ”Dobbiamo realizzare la promessa dell’America fidandoci di Dio, unificando la nostra visione e costruendo il nostro futuro. Corro per la presidenza degli Stati Uniti. #2020VISION”.
In suo soccorso è subito arrivata la moglie di Kanye, Kim Kardashian, che ha postato il post del marito con un’immagine della bandiera dell’America.

Ma non solo Kim Kardashian ha voluto dimostrare il suo sostegno al marito, anche Elon Musk che ha commentato ‘Io sono con te’.
Tutte queste piccole cose fanno pensare che la candidatura di Kanye sia reale, anche se molto improvvisa.
Le elezioni per la carica del Presidente degli Stati Uniti d’America dovrebbero tenersi a fine novembre del 2020 e ad oggi, 7 luglio 2020, Kanye West ancora non ha presentato niente. Non ha ancora fatto un piano politico riguardanti le sue idee ne ha fatto campagna elettorale nei vari stati degli Stati Uniti e proprio queste cose fanno dubitare la veridicità dell’affermazione del cantante.
Inoltre sappiamo che Kanye e Trump (l’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America) si conoscono e molte volte hanno collaborato tra di loro, quale sarà la verità?

La Regione Marche a settembre dovrebbe affrontare le elezioni e, se il risultato sarà quello dei sondaggi, si avrebbe un esito che fino ad oggi in Regione non è mai arrivato: la vittoria da parte del centrodestra.
Fino ad oggi la Regione ha sempre visto un presidente di sinistra, avranno ragione i sondaggi?

E’ stata fatta un’indagine da parte dell’istituto Noto nelle Marche per quanto riguarda le elezioni che dovrebbero tenersi a settembre ed il risultato mostra al 48% Francesco Acquaroli del centro destra, Maurizio Mangialardi con il 40% del centro sinistra ed infine Mercorelli con il 9% del Movimento Cinque Stelle.
Se le elezioni dovessero andare realmente così nella Regione si vedrebbe un risultato mai visto fino ad oggi ovvero un Presidente di centro destra.
La Regione ha avuto per anni (all’incirca cinquanta) esponenti del centro sinistra e ad oggi potrebbe ritrovarsi avanti ad un cambiamento.

C’è da specificare comunque che Acquaroli non è la prima volta che si candida alle elezioni infatti il suo nome è arrivato anche cinque anni fa, anche se la situazione era un pò diversa.
Anni fa il centro destra molto più diviso a differenza di ora infatti Lega e Fratelli d’Italia andavano di pari passo e dall’altro lato c’era Forza Italia.
Cinque anni fa Acquaroli raggiunse il 18% sotto ai Cinque Stelle e raggiunse il 14% a Spacca.
In quell’anno la meglio l’ebbe l’esponente del Partito Democratico Luca Ceriscioli che raggiunse addirittura il 41%.
Quindi da come riportano i sondaggi questo è un anno di forte cambiamento a livello politico per quanto riguarda la Regione Marche. Ovviamente non è detta ancora l’ultima, per avere una conferma di tutto ciò bisognerà aspettare i risultati delle elezioni che molto probabilmente dovrebbero svolgersi i primi giorni di settembre 2020.

Sono giorni che si vocifera un nuovo cambiamento all’interno della Lega.
C’è chi dice che il Partito non voglia più Salvini come ‘capo’ ed il nome che sta girando in questi giorni è quello di Luca Zaia. Sarà vero? Esprime la sua opinione anche Roberto Maroni.

L’ex Presidente della Lombardia, in un’intervista rilasciata a Repubblica, ha dichiarato che vorrebbe ‘fuori’ Conte in quanto adesso c’è bisogno di un governo più umile per il Paese. ”Conte ha fatto quel che ha potuto in queste ultime settimane ma adesso serve un nuovo governo di umiltà nazionale”.
Inoltre l’ex Presidente vedrebbe bene al Governo Mario Draghi e pensa che anche Salvini dovrebbe appoggiare questa scelta: ”Salvini dovrebbe, oltre a sostenerlo, farne parte, accettando le deleghe alle imprese: il nostro mondo produttivo di riferimento” dichiara Maroni.

Maroni oltre a Draghi però fa anche un altro nome che è quello di Luca Zaia definendolo un grande politico.
Luca Zaia è molto bravo. Mi piace definirlo un veneto di rito ambrosiano. I suoi pregi secondo me sono concretezza, cautela, coraggio e riservatezza. Nella lotta che tutto il mondo sta vivendo in questo momento, ma soprattutto il nostro Paese, ha avuto intuizioni importanti, come fare dei tamponi a tappeto. Con questo non voglio togliere niente agli altri, tutti i governatori si sono impegnati al massimo”. Bellissime parole per il politico ma ad oggi comunque il ‘capo’ è Salvini.
Il leader della Lega ad oggi è Salvini e il nostro è un vero partito leninista, lo dico sempre con piacere. Zaia comunque non ha alcuna intenzione di fare il capo della Lega. Sa governare bene e sa adattarsi alla linea del partito, leale e fedele. Sarà rieletto in Veneto ed è l’unica cosa che in questo momento gli interessa. Comunque lo vedrei bene alla guida del Paese”, conclude così l’ex Presidente.

Messina

Messina: De Luca viene eletto tra le polemiche a causa di alcune situazioni del suo passato. Ecco quali sono state alcune considerazioni in merito

Le recenti elezioni amministrative della città di Messina hanno visto Cateno De Luca vincere il ballottaggio con il 65% dei voti a suo favore: gli elettori messinesi lo hanno scelto preferendolo a Placido Bramanti che concorreva ad essere primo cittadino sostenuto dal centrodestra.

Cateno De Luca dell’UDC ha così vinto le elezioni che lo vedranno prendere il posto di Renato Accorinti e dopo aver saputo della sua vittoria è subito andato a depositare un mazzo di fiori ai piedi della Madonna in piazza Immacolata di Marmo.

Il neo sindaco De Luca nel 2017, secondo la Commissione antimafia risultava impresentabile ed è stato coinvolto in 16 inchieste che lo hanno visto sempre prosciolto, adesso rimane aperta soltanto l’inchiesta che lo ha visto essere accusato di evasione fiscale.

De Luca inoltre fu noto nel 2007, per le proteste contro l’estromissione dalla commissione di bilancio, presentandosi presso l’assemblea della Regione Sicilia, a petto nudo e con la bandiera della Regione utilizzata come pareo: il neo sindaco aveva una coppola nera in testa, una statuetta di pinocchio in una mano e la Sacra Bibbia nell’altra.

Ministro dell'Interno sui rom

Ministro dell’Interno sui rom: Matteo Salvini comunica che occorre censire i rom per poter espellere gli irregolari attraverso gli accordi tra stati

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini sta facendo preparare un dossier che farà il punto sulla situazione dei rom in Italia, con l’obiettivo di riuscire a far luce su quanti tra essi siano regolari e quanti non lo siano: chi non risulterà essere regolare dovrà essere espulso e questo sarà possibile farlo attraverso idonei accordi tra stati.

Gli obiettivi primari di Matteo Salvini saranno quelli di ristabilire la legalità e di fare in modo che ci sia una grande collaborazione tra il Ministero dell’Interno e i comuni italiani: il Ministro vuole mettersi a disposizione dei sindaci e ha mostrato l’intenzione di voler discutere con il primo cittadino di Milano Giuseppe Sala, per poter fare il punto della situazione sugli sgomberi di alcuni quartieri della sua città, come quello di San Siro, di Chiesa Rossa e di via Gola, senza poi dimenticare i campi rom.

Ovvie reazioni con pensieri molto critici sono arrivati dall’opposizione, attraverso l’ex Presidente del consiglio Gentiloni che ha scritto sui social: “Ieri i rifugiati, oggi i Rom, domani pistole per tutti. Quanto è faticoso essere cattivo”.

Schwarzenegger operato d’urgenza

Schwarzenegger operato d’urgenza: delicato intervento a cuore aperto per l’ex governatore della California, Arnold Schwarzenegger

L’ex governatore della California e famosissimo attore Arnold Schwarzenegger era stato ricoverato presso una clinica di Los Angeles perché doveva essergli sostituita una valvola cardiaca ma il settantenne attore ha fatto vivere momenti di vera paura ai suoi ammiratori in quanto i programmi dei medici hanno subito cambiamenti per cui sono intervenuti con un delicatissimo intervento a cuore aperto durato alcune ore.

Le sue condizioni adesso sarebbero stabili e i problemi cardiaci di Arnold Schwarzenegger non sarebbero da attribuire alla sua precedente assunzione di steroidi, ed infatti l’ex governatore aveva già subito un intervento al cuore più di vent’anni fa dove gli era stata sostituita una valvola cardiaca.

L’attore è nato in Austria ma è stato naturalizzato come statunitense: è stato uno dei più grandi culturisti del mondo e proprio anche grazie al suo fisico dalle forme esageratamente possenti è riuscito ad avere un grande successo nel mondo del cinema dove ha quasi sempre interpretato personaggi possenti ed indistruttibili come Conan il barbaro, Terminator.

I tanti suoi ammiratori si augurano che egli sia pronto per guarire il prima possibile e possa riuscire ancora a far parlare di se in maniera positiva.

Roma tir

Roma tir: la green zone romana infranta ed un tir si ritrova in mezzo ai passanti. Ecco cosa è accaduto negli ultimi giorni e cosa ha sconvolto la cittadinanza romana

Come si sa la minaccia terrorismo è attuale e ogni giorno si cerca di contrastarla con ogni mezzo: le istituzioni cercano di adottare i sistemi migliori per ridurre al massimo ogni rischio e a Roma in questi giorni di festa lo hanno fatto delimitando la zona centrale, cosi impedendo la circolazione di mezzi non autorizzati. Questa misura si è resa necessaria per evitare attenti della stessa tipologia verificatisi in Francia che ha visto persone innocenti morire investite da mezzi pesanti che andavano a tutta velocità.

Purtroppo l’attenzione non è mai troppa e durante il giorno del venerdì santo questa misura di sicurezza è stata infranta: un Tir turco si è ritrovato in un batter d’occhio in mezzo alla folla in piena green zone, ma per fortuna non era un terrorista e non si sono corsi pericoli di strage.

Il Tir è stato fermato dai Carabinieri che sono giunti a lui a sirene spiegate: l’autista ha fornito i documenti giustificandosi della suo disconoscimento del divieti, per poi essere riaccompagnato sul giusto itinerario.