556 Posts

Alessio d’Amato, assessore alla sanità, ha firmato l’ordinanza per lo sgombero dei campi rom a Castel Romano a causa delle varie denunce da parte dei comitati di zona e della stessa Asl di Roma 2 che ha parlato di condizioni precarie.

Alessio d’Amato, l’assessore della sanità della Regione Lazio, in queste ultime ore ha firmato un’ordinanza che prevede lo sgombero dei campi rom che si trovano a Castel Romano. Tutto ciò è avvenuto dopo alcune denunce da parte dei comitati di quella zona e dopo la denuncia stessa dell’Asl di Roma 2 che ha parlato di condizioni precarie a livello di igiene sanitaria. Inoltre, anche molte forze politiche dell’opposizione, hanno lanciato l’allarme.
Tutto ciò però dovrà avvenire da Campidoglio. 
Quest’ordinanza prevede che Roma Capitale ripristini il varco d’accesso al campo con una Polizia locale h24.
”In modo da poter inibire l’accesso al campo alle persone non autorizzate nonché impedire l’introduzione all’interno del campo stesso dei materiali oggetto di incendi e roghi, ovvero di smaltimenti irregolare ed illecito”.

Inoltre, spiega l’assessore nell’ordinanza: ”Si chiede a Roma Capitale di ripristinare la funzionalità dei due depuratori già presenti, entro quindici giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza e attivare la rimozione dei materiali abusivamente sversati nelle aree circostanti il Villaggio”.
Infine l’ultimo punto dell’ordinanza prevede: ”Si chiede a Roma Capitale la completa attuazione delle azioni organizzative e funzionali alla chiusura definitiva del villaggio e alla bonifica dell’intera area, nonché al ripristino dei luoghi allo stato originario”.
In questa ordinanza comunque non è stato presentato un ultimatum ma comunque Campidoglio ha già iniziato a muoversi in questo, stamattina, è già partita un’operazione con la polizia locale per la messa in sicurezza della zona presente nell’ordinanza da parte dell’assessore D’Amato.

In queste ultimi giorni Kanye West sui suoi canali social ha fatto sapere della sua candidatura alle elezioni per diventare il Presidente degli Stati Uniti e proprio ieri ha rilasciato un’intervista a Forbes in cui parla degli altri candidati.

Ormai la notizia sembra essere ufficiale: Kanye West si candiderà alle elezioni per il Presidente degli Stati Uniti d’America.
All’inizio moltissime persone erano scettiche riguardante la verità di questa notizia in quanto Kanye, sul suo account Twitter, ha sempre scritto molte cose che poi non ha portato a termine.
E proprio l’altro giorno il cantante ha scritto sui suoi social: ‘Da oggi inizia la mia corsa per diventare il Presidente degli Stati Uniti d’America’.
Questo post inoltre è stato commentato sia da Kim Kardashian, sua moglie, sia da altri personaggi famosi ad esempio Elon Musk.
Proprio ieri però Kanye ha rilasciato un’intervista al famosissimo giornale ‘Forbes’ in cui parla proprio della sua candidatura e dei suoi ‘nemici’.

Kanye West in passato si è sempre dimostrato dalla parte di Trump ed hanno avuto molte collaborazioni insieme e nell’intervista ha parlato anche di questo.
‘Mi toglierò il cappello rosso’, ha dichiarato.
Inoltre in questa intervista veniamo a sapere che il cantante a febbraio ha avuto il virus.
A febbraio ho avuto il virus e l’ho superato. Io amo la Cina. La malattia non è responsabilità del popolo cinese”.
Per quanto riguarda la sua candidatura invece ha detto: ”Questa è una forma di razzismo, supremazia bianca e controllo bianco per dire che tutti i neri hanno bisogno di essere democratici e per supporre che io sia sceso in campo a spaccare gli elettori. Tutte queste informazioni vengono caricate su piattaforme di social media. Inoltre quando dovevo votare avevo paura. Mi è stato detto che se avessi votato su Trump la mia carriera musicale sarebbe finita”.

Quanto guadagnano gli influencer italiani? E’ una domanda che si pongono molte persone.
Hopper HQ, un’azienda inglese, ha fatto una lista dello stipendio che percepiscono gli influencer in tutto il mondo, ma andiamo a vedere innanzitutto in Italia.

L’influencer è una professione che è nata 6/7 anni fa ed è realmente scoppiata negli ultimi anni. Moltissimi ragazzi al giorno d’oggi hanno come aspirazione nella vita di diventare dei famosissimi influencer, ma quanto si guadagna?
Andiamo per gradi.
Ovviamente l’influencer italiana più conosciuta al mondo è Chiara Ferragni. Secondo Hopper HQ Chiara guadagna all’incirca 53 mila euro a post e si trova al 65esimo posto nella lista mondiale.
Il secondo influencer più pagato d’Italia è Gianluca Vacchi che si piazza al 71esimo posto. Il suo guadagno è di 42 mila euro a post.
Il terzo invece è Fedez, cantante e marito di Chiara Ferragni. Egli si trova all’ottantaquattresimo posto e guadagna 20 mila euro a post.
Agli ultimi posti, e non con un guadagno basso, troviamo Mariano di Vaio e Giulia De Lellis. Il primo percepisce all’incirca 17 mila euro a post mentre Giulia 12 mila.

Gli influencer ovviamente non si trovano solo in Italia ma anche nel resto del mondo quindi, quanto guadagnano gli altri?
Il primo in classifica è ovviamente Dwayne Johnson, conosciuto come ‘The Rock’. A quanto pare, la star di Instagram, arriverebbe a guadagnare più di un milione di dollari con un solo post.
Subito dopo di lui troviamo Kylie Jenner. 
La sorella di Kim Kardashian è una delle donne più apprezzate dal web e vanta milioni e milioni di seguaci. Infatti il suo guadagno, per un solo post, ammonterebbe a 900 mila dollari.
Subito dopo di lei troviamo il calciatore Cristiano Ronaldo con 800 mila dollari.
Infine, ma non per importanza, troviamo le modelle Bella Hadid ed Emily Ratajkowsky con 40/30 mila dollari.

Il queste ultime ore il web è realmente impazzito per una notizia che ha fatto il giro del mondo: Kanye West ha annunciato la sua candidatura alle elezioni per il Presidente degli Stati Uniti d’America. 
Sarà vero?

E’ questa la domanda che ad oggi si fanno tutte le persone del web è: Kanye West si candiderà veramente?
Il cantante americano molte volte scrive qualcosa su Twitter soltanto per far parlare di sè quindi in molti adesso si chiedono se la sua candidatura sia soltanto una trovata pubblicitaria.
Comunque il cantante ha annunciato la sua candidatura alle elezioni tramite un post su Twitter in cui ha scritto: ”Dobbiamo realizzare la promessa dell’America fidandoci di Dio, unificando la nostra visione e costruendo il nostro futuro. Corro per la presidenza degli Stati Uniti. #2020VISION”.
In suo soccorso è subito arrivata la moglie di Kanye, Kim Kardashian, che ha postato il post del marito con un’immagine della bandiera dell’America.

Ma non solo Kim Kardashian ha voluto dimostrare il suo sostegno al marito, anche Elon Musk che ha commentato ‘Io sono con te’.
Tutte queste piccole cose fanno pensare che la candidatura di Kanye sia reale, anche se molto improvvisa.
Le elezioni per la carica del Presidente degli Stati Uniti d’America dovrebbero tenersi a fine novembre del 2020 e ad oggi, 7 luglio 2020, Kanye West ancora non ha presentato niente. Non ha ancora fatto un piano politico riguardanti le sue idee ne ha fatto campagna elettorale nei vari stati degli Stati Uniti e proprio queste cose fanno dubitare la veridicità dell’affermazione del cantante.
Inoltre sappiamo che Kanye e Trump (l’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America) si conoscono e molte volte hanno collaborato tra di loro, quale sarà la verità?

Oggi, giovedì 2 luglio, si è tenuta una piccola cerimonia in onore di Andrea Millevoi, giovane ufficiale morto il 2 luglio del 1993 in un combattimento in Somalia.

La cerimonia si è tenuta presso la caserma dei ‘Lancieri di Montebello’ ed erano presenti anche i genitori di Andrea.
Insieme a loro anche alcuni ufficiali e sottoufficiali che presero parte al combattimento insieme a Millevoi.
Durante quel combattimento il contingente italiano era impegnato contro migliaia di miliziani somali che facevano parte della fazione capeggiata da uno dei “signori della guerra”.
Quel giorno, Il S.Ten. Millevoi, dopo aver scortato con la sua blindo “Centauro” alcuni feriti diretti al Porto Vecchio, venne ferito mortalmente  da un colpo sparato, si presume, da un cecchino. Ancora oggi non si sa tutto nel dettaglio.

Durante la cerimonia Andrea Millevoi viene descritto come un giovane ufficiale super motivato e dedito al suo lavoro, nonostante non avesse raggiunto ancora tantissimi anni di esperienza.
Nonostante ciò il giovane ragazzo chiese comunque di poter partecipare alla Missione “Ibis” al comando di un plotone blindo. Quel famoso due luglio, insieme ad Andrea, furono uccisi anche altri due ragazzi: il paracadutista Pasquale Baccaro e il Sergente Stefano Paolicchi. Ma non solo, più di trenta militari vennero feriti ed alcuni, purtroppo, persero anche l’uso autonomo delle gambe.
Le vicende di quel combattimento che si oppose alla brigata ‘Folglore’ e le tantissime storie di militari presenti in quei giorni sono dettagliatamente descritte nel libro del generale Paolo Riccò ‘I diavoli neri’.
Il libro, oltre a narrare nel dettaglio le vicende che hanno dovuto affrontare i miliari, ma soprattutto i tre uomini morti, racconta anche di come essi sono riusciti ad affrontare un vero e proprio combattimento dopo la seconda guerra mondiale.

Le stelle del Primo luglio portano buone notizie quasi per tutti i segni, tranne per il Leone ed il Toro. Ma nessun problema, i prossimi giorni sarà tutto in discesa. Andiamo comunque a vedere nel dettaglio.

Venere è in una zona perfetta per l’Ariete sotto il punto di vista dell’amore infatti, il rapporto con il vostro partner migliorerà sempre di più. Buone notizie anche sotto il punto di vista familiare, in questa settimana ci saranno dei chiarimenti.
Brutte notizie per il Toro invece che ha la luna in una zona non molto rilassante. Potrebbe saltare un fine settimana con il proprio partner ma, niente paura, basterà organizzarsi di nuovo.
Ottime notizie per i Gemelli che, con la loro bellezza, avranno il mondo ai loro piedi. Per quanto riguarda il lavoro invece si risolverà, finalmente, una questione che vi ha portato molto stress.
Ottimo inizio di mese per il Cancro che, da Nessuno ed Urano, prende un’energia favolosa.
Un pò di meno il Leone invece che, per colpa di Urano, potrebbe riscontrare qualche incomprensione di coppia.

Tutti i pianeti in ordine perfetto per la Vergine. Il Sole fa capire che ci sarà una ottima energia di coppia ma non fatevi comunque condizionare dal vostro carattere un pò ‘chiuso’ e lasciate che la fortuna entri nella vostra vita.
Sulla Bilancia non c’è proprio niente da recriminare, l’importante è dedicarsi ai propri rapporti, dall’amore all’amicizia.
Ottime notizie per lo Scorpione sotto il punto di vista dell’amore, un pò meno per quanto riguarda il lavoro. Basta cercare sempre lo scontro.
Per quanto riguarda il Sagittario la Luna manda dei segnali precisi: più romanticismo!
Il Capricorno invece si prepara ad ultimare un lavoro e a finirlo in tempo entro la data di scadenza.
Ottime notizie anche per l’Acquario e i Pesci. Tutti e due i segni presentano delle ottime condizioni psicofisiche.

In questi ultimi giorni il web, e non solo, si è davvero scatenato per un video che ha iniziato a circolare.
In questo video si vede un ragazzo che brucia un gatto per strada, precisamente avanti alla stazione, per poi mangiarlo.

In queste ultime ore è successo davvero di tutto a causa di questo video.
La scena, avvenuta alle sette del mattino avanti alla stazione, ha scioccato davvero tutti e da lì sono partite delle ‘proteste’ da parte del web.
Nel video si nota come un ragazzo, a quanto pare non italiano, sulla ventina d’anni, che brucia un gatto su un falò creato al momento avanti alla stazione, avanti agli occhi di tutte le persone che si trovavano lì per prendere un treno.
Inoltre grazie al video vediamo che una signora, una volta vista la scena, va verso il ragazzo e cerca di spiegargli che queste cose non si fanno, soprattutto avanti agli occhi di tantissime persone.

Il ragazzo ha cercato di spiegare una sua versione ovvero, l’intento non era quello di fare del male al gatto ma la fame era troppo forte.
‘Se hai fame e vuoi mangiare devi andare a lavorare’ gli spiega la signora.
Il ragazzo cerca comunque di allontanare la donna ma fino all’arrivo dei vigili, che hanno portato con loro il ragazzo.
Da lì sul web è partita una vera e proprio protesta contro questi atti che ad oggi avvengono ancora.
Alla fine comunque il ragazzo non è stato arrestato ma soltanto denunciato in quanto, alle forze dell’ordine, ha dichiarato che il gatto non è stato ucciso da lui.
Dalla dichiarazione il ragazzo ammette che il gatto era già morto per strada e lui lo stava ‘cucinando’ in quanto era troppo tempo che non mangiava.

Secondo gli ultimi dati riportati soltanto in Italia in un anno su quattro mila decessi più di 200 sono ragazzini tra i 17 e i 24 anni.
Tra i 12 e i 17 anni il 15% dei ragazzi con genitori poco comprensivi ha pensato al suicidio mentre l’8% con genitori più apprensivi.

A settembre dell’anno scorso, durante la giornata mondiale di prevenzione al suicidio, l’Ospedale pediatrico di Roma Bambino Gesù ha diffuso dei dati che hanno lasciato letteralmente tutti a bocca aperta. Negli ultimi otto anni le richieste al pronto soccorso a livello di suicidio sono aumentate di 20 volte e l’età media è anche super scesa infatti ci sono stati dei casi di bambini di anche 10 11 anni.
In questi giorni sono stati pubblicati dei risultati di un’indagine in cui hanno ‘analizzato’ alcuni ragazzi tra i 13 e i 17 anni. Le domande che veniva fatte erano tipo: ‘Hai mai preso seriamente in considerazione di tentare il suicidio negli ultimi 12 mesi?” oppure “Negli ultimi 12 mesi, quante volte sei stato così preoccupato per qualcosa che non riuscivi a dormire la notte?’. Il risultato ha mostrato un aspetto davvero drastico.

Il risultato mostra che all’incirca un adolescente su 6, ovvero il 14% ha pensato al suicidio per quanto riguarda l’ultimo anno mentre il 9% ha vissuto episodi che hanno causato attacchi di forte ansia.
In tutto ciò la prevalenza aggregata di ragazzi che hanno pensato al suicidio è molto più alta per quanto riguarda i paesi a reddito medio-alto (il 17% contro l’11%), mentre gli attacchi di ansia sono leggermente più diffusi nei paesi più poveri (nel 10% dei rispondenti dei paesi a basso reddito contro il 9% di quelli più ricchi).
Infine però c’è da dire che nella maggior parte dei paesi troviamo sia le persone che vivono una vita ‘economica’ medio-alta e sia persone che vivono un livello medio-basso.

Le Marche è sicuramente la Regione perfetta per chi adora affrontare la propria vacanza con il camper, tutto ciò è dovuto grazie ai tantissimi luoghi all’aria aperta. Ma attenzione tutto ciò non è perfetto soltanto per quando arriva la stagione estiva, ma anche per quanto riguarda i mesi autunnali.

Per iniziare al meglio si potrebbe andare a Fermo, pieno di borghi antichi e di altissima storia soprattutto per quanto riguarda Torre di Palme e Moresco. Famosissima Armandola, che è conosciuta soprattutto per la lavorazione e il restauro del legno, la produzione di tartufi e l’antiquariato. Inoltre nei pressi di Armandola troviamo l’Abbazia dei Santi Rufino e Vitale e il Lago di S. Rufino.
Da non dimenticare Monfalcone Appennino, da lì si può ammirare la vista del Convento dei Monori di S. Giovanni in Selva, che è un esempio di edilizia conventuale del Cinquecento. Nei suoi pressi troviamo anche Smerillo, che si trova a quasi 800 metri di altezza sulla valle del Tenna. Da lì si può andare al Bosco Omonimo, in cui troviamo fiori molto rari.

Un percorso super amato dai turisti è quello che parte da Marotta e che attraversa quasi tutta la Provincia di Pesaro Urbino. Lì c’è la possibilità di visitare il borgo dei Pescatori, che presenta luoghi di valore storico-artistico e religioso ad esempio la Chiesa di S. Agostino e quella di San Gervasio a Mondolfo.
In quella zona non bisogna assolutamente perdersi i paesini medievali in collina ad esempio Fratte Rosa, che è famosa per le sue ceramiche fino ad arrivare a Pergola, percorrendo la cesanense. Essa è una città dalle cento chiese, tra cui la Chiesa di S. Giacomo e il Duomo, ricche di fantastiche manifestazioni artistiche.
Infine non bisogna perdersi una sosta a Cagli, lì si possono visitare numerosi monumenti storici, palazzi quattrocenteschi e cinquecenteschi.

La Regione Marche a settembre dovrebbe affrontare le elezioni e, se il risultato sarà quello dei sondaggi, si avrebbe un esito che fino ad oggi in Regione non è mai arrivato: la vittoria da parte del centrodestra.
Fino ad oggi la Regione ha sempre visto un presidente di sinistra, avranno ragione i sondaggi?

E’ stata fatta un’indagine da parte dell’istituto Noto nelle Marche per quanto riguarda le elezioni che dovrebbero tenersi a settembre ed il risultato mostra al 48% Francesco Acquaroli del centro destra, Maurizio Mangialardi con il 40% del centro sinistra ed infine Mercorelli con il 9% del Movimento Cinque Stelle.
Se le elezioni dovessero andare realmente così nella Regione si vedrebbe un risultato mai visto fino ad oggi ovvero un Presidente di centro destra.
La Regione ha avuto per anni (all’incirca cinquanta) esponenti del centro sinistra e ad oggi potrebbe ritrovarsi avanti ad un cambiamento.

C’è da specificare comunque che Acquaroli non è la prima volta che si candida alle elezioni infatti il suo nome è arrivato anche cinque anni fa, anche se la situazione era un pò diversa.
Anni fa il centro destra molto più diviso a differenza di ora infatti Lega e Fratelli d’Italia andavano di pari passo e dall’altro lato c’era Forza Italia.
Cinque anni fa Acquaroli raggiunse il 18% sotto ai Cinque Stelle e raggiunse il 14% a Spacca.
In quell’anno la meglio l’ebbe l’esponente del Partito Democratico Luca Ceriscioli che raggiunse addirittura il 41%.
Quindi da come riportano i sondaggi questo è un anno di forte cambiamento a livello politico per quanto riguarda la Regione Marche. Ovviamente non è detta ancora l’ultima, per avere una conferma di tutto ciò bisognerà aspettare i risultati delle elezioni che molto probabilmente dovrebbero svolgersi i primi giorni di settembre 2020.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi