Una gita ad Amalfi: cosa vedere

amalfi duomo

La costiera amalfitana attira ogni anno una grande quantità di turisti, grazie alle sue bellezze naturali ed alla sua storia millenaria. Già i romani apprezzavano queste zone, infatti in città ad Amalfi sono ancora oggi visibili i resti di un’antica villa, databile intorno al I secondo dopo Cristo. La gran arte dei turisti arriva sulla costiera durante il periodo estivo, ma Amalfi e le altre località offrono opportunità di divertimento e di svago in qualsiasi periodo dell’anno. Per organizzare un viaggio ad Amalfi sono particolarmente preziose le informazioni che potete trovare sul sito http://www.costieraamalfitana.com/positano/.

Il carattere di Amalfi

Questa località è nota in tutto il mondo, soprattutto per la sua bellezza. Nonostante si tratti di un piccolo paese, con circa 7.000 abitanti, Amalfi vanta una vasta serie di Chiese e palazzi, abbarbicati sulle colline rocciose della baia che la ospita. L’abitato si affaccia sul mare ed è caratterizzato da un ampio utilizzo di pietra dal colore bianco, che rende possibile vedere la cittadina anche da molto lontano. Una delle mete da cui conviene far partire la propria gita ad Amalfi è la Cattedrale si Sant’Andrea, una grande chiesa che domina dall’alto tutto il paese. La chiesa è realizzata in marmi policromi, cosa che la rende ancora più visibile e imponente. Di particolare interesse anche il Chiostro del Paradiso e la Basilica del Crocifisso. Decora il centro storico anche la bellissima fontana di Sant’Andrea, ricca di sculture pregiate.

I Musei ad Amalfi

Nonostante oggi sia un piccolo centro abitato, in passato Amalfi era un importante centro produttivo e politico. Un tempo infatti Amalfi era una delle Repubbliche Marinare, che commerciavano merci di ogni genere lungo tutto il mediterraneo. Le acque del torrente Canneto erano sfruttate come forza motrice per il funzionamento di imponenti mulini, utilizzati soprattutto per la produzione della carta. Ancora oggi ad Amalfi questo importante materiale viene prodotto e si può visitare un bellissimo museo dedicato all’arte dei maestri cartai. Lungo la vallata che si estende alle spalle di Amalfi un tempo era fiorente anche l’arte di coloro che lavorano il ferro. A testimonianza di questo oggi è possibile visitare la Riserva della Valle delle ferriere, una piacevole camminata di qualche ora, immersa nella rigogliosa natura di questi luoghi. Per terminare la visita di questa località non può mancare una gita in barca, in modo da ammirare ogni piccolo centro abitato dal mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *